come inseguendo una lepre

di fernirosso

mario giacomelli

mario giacomelli

.

sulle pendici dell’immensa  montagna
del sonno ho rincorso i  passi per trovare i  luoghi in cui costruiva le sue tane
pescava l’acqua per ogni grammo del suo corpo
il fiume
lunghissimo oceano della sua corsa come una sete necessaria
per vivere

i sogni ancora oggi girano
tra paesi segreti infiammati di memorie dove se piove
fiorisce un vento di parole senza suoni
e mi riporta alla terra di un luogo che è mio
profondamente mio e verde
la montagna di quell’acqua dove ho visto la lepre
di vita in vita  bere  senza mai dissetarsi

Annunci