va e viene l’inverno

di fernirosso

alaya gadeh

alaya_gadeh_dfgdfgdfg

.

deposita tra noi pigra
un’estate sorniona
una mezzaluna di luce azzurrina
la tazza di caffè con lo zucchero delle parole perdute
quelle mai più pronunciate
ferme forse
lontano sui prati
che la notte percorrevamo
scalzi in un vento leggero
che faceva la ruota attorno ai nostri corpi
più giovani di oggi che una terra amara
coltiva a silenzio e torba.
in questa pianura ancora verdissima
ci sono ancora i nostri occhi
su ogni ramo le parole più lievi
che abbiamo saputo donarci
e
se cadranno
raccolte da un lieve soffio del bosco
forse ci faranno coraggio
faranno risplendere anche in questo oggi
un attimo di gioia o
addirittura un alveare
di miele dal castagno

 

 

Annunci