se tutto è

di fernirosso

uno e la vita e la morte
l’essere o il mancare questo
uno che è in noi
se è così e noi possiamo
ricordare solo una parte
piccola
modesta una scena descritta
in milioni di parti che ci disperdono
se non possiamo
vivere che un muscolo frammento
di tutto quanto siamo
perché è l’immenso
che cosa capita al resto?
se esce e sfiata dentro ogni parola?
in quell’invaso di terra atomica dove
restiamo anche noi presi
seme e vento presi
da qualcosa che non ha intendimento
dovremmo fare silenzio
non pronunciarle
non dirle più
le parole
stanche
di risalire di immergersi
nella nostra lingua pesante
acqua di una pietra
lapide tombale    ripida una storia
sempre in discesa
al fondo del mare
un cuore non più universale
è solo sale  che brucia e cicatrizza
cauterizza quel poco di noi
che ci resta

Annunci