dove vai senza stelle

di fernirosso

 

dove cammini senza l’azzurro
dove si è nascosta
la sera quando è caduta dentro la tua faccia
rivolta a terra
dentro i tuoi piedi scalzi
le scarpe lontane non avevano più il rumore dei tuoi legni
non hanno suonato per te sposa
una canzone azzurra né hanno messo il rosa
ai loro proiettili
per ammazzare il figlio che nutrivi da te sola

dove cammini ora
in questa città solitaria che non ha più memoria
sei scesa alla ventesima fermata della metropolitana
e la morte ti ha attraversata
gente senza pensieri
solo scorie  di una storia che passerà di moda
ma tu adesso dove sei
sei felice?

ora puoi andare finalmente in giro da sola?
potrai vestirti di tutti i colori
potrai camminare curandoti solo dei fiori
quelli che hai con te
in un mazzo reciso
per goderteli almeno qualche giorno
perché tu sai con precisione adesso
che anche la bellezza ha un prezzo
e questo è quanto si paga ogni giorno
noi tutti

e se hai un desiderio scrivilo
con un segno d’aria
poi cammina come se non fosse più il  tuo  caso
cammina e non pensarci
sarà lui a seguirti
e di notte dentro l’azzurro
quando cercherai dove fanno a finire le stelle
te lo ritroverai davanti
e  spalancando la bocca
in un sorriso largo
ampio quanto quell’azzurro che lo ha permesso
lui ti entrerà in corpo
percorrendoti di cielo
come la lingua di un amante
ogni tuo luogo finalmente azzurro
e se le stelle si nasconderanno
azzurro sarà il tuo occhio azzurro il tuo sguardo
sarai tu tutto quel cielo
liquido ancora più profondo
che io adesso sto guardando

Annunci