come acqua

di fernirosso

 

Ho schiuma del mare nelle vene, capisco il linguaggio delle onde.
Jean Cocteau, Le testament d’Orphée

 

come acqua le nostre mani
nell’acqua si dissolvono
e si perde l’occhio
che svelto le rincorre
fin dove la corrente in quel moto
mostrandole le  spezza in forme
che si accendono alla luce
e subito scompaiono verticali
dentro il fondo
verde profondo che alla vista
vertigine profonde
nei sogni che nell’attimo attinge
così anche l’anima
riflessa nel linguaggio
che vorrebbe catturarla
si rompe e liquida si nasconde
acqua nelle mani dell’acqua
che di trasparenza la tinge

 

 

Annunci