un pavimento

di fernirosso

 

di lampi questa estate e muschio il buio della sera
viene scompaginando la luce adagio
come una lunga gonna nera fruscia in terra
un suono di parole e giorno e notte si cancellano
l’una dall’altra si distanziano
e nascostamente scrivono
ciascuna  col proprio lapis
un lapsus che dura  millenni
per questo domani si rivedono
e per correggere l’errore
altri ne riscrivono
in un continuo gioco del rimpiazzo
uno speciale rimpiattino

 

 

Annunci