vengono nude

di fernirosso

chris friel

chris friel- q1

.

le cose dentro la luce
e noi le prendiamo sul serio
senza sapere che  la luce gioca e gioca
fino a spezzarci la vista
fino a farci credere che sia tutto vero
e il sogno   interrotto dentro questa notte
di vagiti e viaggi
avvolti nelle bende
mentre l’universo si estende
contraendosi infinitamente dentro il nostro sguardo
largo quanto una pupilla incredibile strettoia
che regola il traffico nel vano dello sguardo
e immagini come formiche
invadono la nostra testa
i loro occhi fucine di galassie ci disordinano la memoria
e noi crediamo d’essere nati     ora
mentre le ossa lo sanno
sanno quanto lontana è la loro nascita
acque sporche di milioni e milioni di flussi
venti     spore che creano il mare la terra le montagne
e noi minuscoli
batteri in una nube   senza vedere
quello sfarfallio di bagliori
in una notte liquida restiamo rappresi
il ventre morbido e caldo della madre
dentro cui scaviamo una via per dimenticare
cosa eravamo

Annunci