di notte le voci

di fernirosso

simone held
simone-held-1-q-jpg-2
.

quando vengono fanno giorno
dentro il buio nell’occhio aperto in quel suo guazzo celato
e senza paura nella casa del sonno l’alba resta rapita
all’interno di un abbaglio
sopra la collina macchie di indaco
galleggiano nell’azzurro e la terra profila il cielo
come una macchina di fabbrica
sanguinano le pareti della casa
è una cassa sbrecciata
un rosso addensato negli angoli
coagula altre voci
che vengono dal profondo della terra
guasta una parola accartocciata
rilascia solo una mosca ed è su quel lieve ronzio
che si apre l’ora
in un altro risveglio

Annunci