oracoli

di fernirosso

andrea siciliani

andrea siciliani-12

 

di memoria storie e fili di parola
con cui intrecciare i giorni al verso
del vento con cui dei morti ascoltare il sermone
perso sotto una patina di giallo
tempo che trascorre sulle immagini di quanto è stato
e ora è solo l’interrogazione di questi fogli
sibillini come responsi degli oracoli
guerre che portarono sconfitte e  poi
scomparvero lontano come ciò che mai fu detto
a niente porta quel cercare nel fondo
del cassetto se qualcosa è rimasto
è di certo annegato negato da questo adesso
un tempo che lucida i suoi ori e dell’attimo
ingobbia  capolavori che poi comunque finiranno nel cassetto
una specie di saldo di ogni fine stagione
quando la realtà ti pungola a fare ordine
a non fraintendere ciò che
come sempre è solo  un’ombra
in un raccolto notturno

 

Annunci