terra inospitale

di fernirosso

dan hillier

dan-hillier-primary_image

.

sotto la mia tenda
un terreno scosceso
inospitale una    me stessa
che s’ impedisce di mettere radici
e  nomade esiste
fisico trascorrere di inconsistenti sguardi
rivolti ora al prima ora al futuro e qui
dispersa in tracce  migranti  differenze
tra destini e desideri
appena uno spiraglio
ancora è incapace di rompere l’aula
affrescata di storie di amicizia e amore che
in fondo
sola
è una storia di riflessi e riflessioni
ombre su una parete chiara
su cui scorre
in altra narrazione
un’aria leggera

Annunci