per tutta la durata del giorno

di fernirosso

max gasparini

max-gasparini-28

 

 

vorrei punzecchiarti
come una zanzara e poi con un unghiolo
aprire quell’acuto
dolore voglio iniettarti in corpo
per farti sentire di cosa sia fatta questa carne che si degrada
amara avara o folle
questa vita che tu pratichi a  tuo piacere
nascondendoti dentro il corpo di un altro
vorrei squarciarti lo sguardo
penetrarti  manomettere il tuo paesaggio
vorrei camminarti il fianco aprirti il labbro
storpiare la tua silenziosità ingorda
vorrei che tu urlassi come noi tutti facciamo
mentre tu beatamente    ti allontani anima
abbandonandoci nell’ultima    mai pronunciata parola

 

 

 

 

Annunci