era una croce di sentieri

di fernirosso

bodyblock

body_block

 

.

e lontano chiudendo gli occhi
si sentiva chiaro un rumore di ruscelli
scrosciava memoria e paura
tra quelle alte
murate
scorciatoie tra le rocce
e la mia stanza si era fatta confusa
una macula al fondo del vitreo
occhio accecato
da quel continuo trambusto
da quella immane caduta di immagini
di luce e atomi di nebbia
un universo remoto tra rami di secoli
millenni e attimi come la medesima
vacua sostanza
una macchia di ruggine
sigillata sugli occhi e sulle labbra
gradini
così tanti gradini di silenzio
dove la notte
solo la notte
era misura  del passo

 

Annunci