chiamiamo quotidianità

di fernirosso

queste voci che ci sfuggono
queste parole senza verso
questo nascere nel nostro fango
senza riflessi l’acqua dell’inizio
involucro e  superficie dei morti
questo mondo ci travolge
inabissandoci

Annunci