era calma

di fernirosso

colli euganei- z.f.

colli_euganei_teolo

.

la notte dentro la mia mente
una barca lenta
la memoria calava le sue reti
nessun approdo in lontananza
ero solo il remo calato tra le onde
adagio lentissima mi muovo verso una sillaba

è quella la destinazione?
la nazione in cui poggiare finalmente il piede
e con il peso essere terra
tana di un ricordo
da un altro luogo che non è qui adesso
e si frantumerà dentro il mio corpo

sarò un volo?
alto più degli uccelli
sarò un segno?
nell’impermanenza delle nuvole
un attimo quando il sole si alza
liberando ogni fantasma
lungo la linea della quiete
tra l’oceano delle nascite
e quello delle partenze
attraverso i campi
non visti tra gli alberi
come vele scure e lente

 

Annunci