a J.Berger- di-segni e in-chiostri

di fernirosso

taros- john berger

john_berger_by_taros

.

come su un’asta
non sentirti mai certo ma al sicuro e
di ospiti    nel tuo buio*
allunga la catena
non redigere il sommario
guarda e impara
a guardare meglio
senza cercare subito
di sapere cosa vedi
serve prima di tutto
un atto di speranza
con cui ogni paradiso avanzi
dopo tanta mutilazione di se stesso
in questo mondo che si elabora ogni attimo
e sbrana le sue parti in celle
di sangue
per ogni diaria disperda
come una elegia
del suo tempo
i minuti corpi che tu vestirai
tingendoti gli occhi

per questo
ti mando questo rosso cadmio *
perché tu possa ricordare sempre
che in una immensa grotta
azzurri viviamo in archi vivi  di passato
entrando sempre da un adesso
un presente  sentire incalzante le orme
di un altro    senza saperlo  senza
vederlo    camminiamo su archivi
che sono le vertebre di tutti  i precedenti
me senza volto e nome e sono stati e saranno
i mieinostri occhi orecchi e il senso del travaso
che i  sensi di ogni uno daranno a tanta archeologia
che ci accompagna e tinge di quel rosso cadmio
le stanze che ancora oggi per minute
nostre storie viviamo

 

*citazione da John Berger ( 5 novembre 1926-  2 gennaio 2017)

 

Annunci