il movimento di un corto

di fernirosso

 

circuito giorno e notte
tutto il tempo tuttochiuso
una serranda bassa l’incontro
una scarica di elettrodi
per accumulare corrente
e tenersi vivi
fidarsi anche della propria mancanza
alternarsi casualmente
sprigionarsi imbrigliarsi
difendersi  da quell’essere senza estremità
in perfetto squilibrio tu e l’altra
che hai lasciato lungo la strada
dove da qualche parte c’era anche l’inizio
il tuo volto non ancora scoperto
il tuo bellissimo viso
senza traccia di nessun tradimento

 

Advertisements