a volte

di fernirosso

sarah jarrett

.

una terra lenta un tempo di acquitrini
trine di uno spazio battuto dai pensieri
e i  piedi in terra in questo ballatoio
di nuvole e acqua  appesa alla vostra promessa

.

a volte mi domando se vi vedrò di nuovo
se ancora riconoscerò in una distanza che mi sembra
infinita     la vita di allora
come dietro a una tenda o tra i lembi di una crepa
una luce iridescente e diffusa
benedicente quasi una nuvola o una nebbia come ora
che sto qui chiusa dentro di me e dentro una casa
che non mi rappresenta
dove accumulo distanza per trovare una via verso
di me nel vedere voi che non ci siete più
e mentre preparo la cena e dispongo i piatti sulla tovaglia
stesa sento la vostra voce bianca lenta cauta
come una terra nuova di pace dischiusa
tra gesti consueti proprio come allora
qualcosa che non dura

Advertisements