a malapena si sentiva

di fernirosso

miroslava rakovic

miroslava-rakovic

.

un suono sordo
della terra un vocio sommesso
come di lingue insieme strette

un’acqua silenziosa
quasi fangosa lenta
tra gli stagni e piscine di pioggia

in specchi fermi e rovine d’acquitrini
da vasche oscure il fondo    improvviso
è il baluginare di un moto

un amniotico liquido corpo di un tutto
sconosciuto e
a niente serve l’ascolto

se non cadere
e cadere
ripetutamente cedersi senza comprendere

Advertisements