azzurro

di fernirosso

wakatsuki kohei

.

inimmaginabile azzurro
profondo proietta l’ombra e balza rimbalza
cadendo ovunque sfianca sgomita sgomitola
il suo immenso minuzioso silenzio
non cede mai  un attimo
mai una crepa una fessura
che mostri quell’oltre
a oltranza inchiavardato dentro l’ossessione
di noi tutti
quella che chiamiamo morte ed è quel sempre
chiuso già occipitale accidente che spacca il nostro
freddo in rami di gelo e fuori di noi
macchia e non si estingue dentro il nostro sangue
abisso di infinito continente un’alluvione di silenzio
e vuoto eco
il suo fine discorso

 

Annunci