cos’era non so

di fernirosso

aron wiesenfeld

.

perché nemmeno l’immaginazione
la rendeva possibile
impossibile tutto
il suo corpo azzurro vuoto
l’inconsistente ombra che si annuvola
nell’oscurità del profondo nostro
schermo di un fermo immagine
che porta fuori da sé
senza pareggio una minuziosa industria
da un punto all’altro
tende lo sguardo
precipita attimo per attimo
un’alluvione di suoni
un tenero raccolto
di emozioni
echi come canzoni
e poi quel segno come un rigo
che si smacchia del suo inchiostro

 

Annunci