sarà

di fernirosso

isabelle cochereau

.

sarà che ogni giorno e ogni notte
non mi basta più ogni stanza la finestra
l’aprire e chiudere una porta
è sempre una parte di me che si abbassa
e lo sguardo non fa luce
ogni quanto
è l’aspetto che non ho visto
ognuno è la notte incompleta
delle stelle che non ho guardato
a lungo un fiume in cui non mi sono tuffato
mi bruciano le mani ad ogni tocco
ogni volta che sfioro
sfiorisco le mie braccia si fanno di legno
e i pensieri sono chiome di foglie
quest’estate mi consola solo un poco
è la notte che trascorro
tra stanze di distanza pregne
e io sempre più piccola mi muovo
con passi di formica
mi arrampico su specchi che riflettono
tutto l’universo in questo angusto mondo
dove i volti sono cere che si consumano
e le nostre case piccoli ammassi di detriti celesti
incerti i ricordi galleggiano
in un oceano senza pace di amore
dove la voce non dice mai
cuore cuore
e ogni battito si fa lento
sempre più lento
un armistizio mai firmato
un trattato
tra lance di un invincibile dolore
e un inarrestabile stupore

Annunci