uno spazio

di fernirosso

nancy liang

 

 

acustica una mandata di luci udibili
luce e tempi di posizione contatori di ore
in baratri eterni che sgusciano il guazzo dissellato
da costellazioni e pianeti
quanti di grazia che ci soccorrono
e a noi basta berli in un sorso d’occhio
come da una sorgiva f(r)onte
il passo e piano
il dio in noi che ci disegna
spina e spinta per esserci
prossimi

 

Annunci