iocum come dire la facezia di uno scherzo

di fernirosso

alexander saidoff

 

 

gioco è
qualsiasi attività a cui si dedicano bambini o adulti per svago
per divertimento o per tenere in esercizio la mente
ed è chi gioca giocato
dal primo elemento del gioco stesso
il gioco dei sensi
che ci guidano per segni
in carte di prestigio dove il gioco si svolge al chiuso
in quell’aperto immenso universo
che a tutto e tutti offre ospizio
e giochi individuali di gruppo di società d’intelligenza
costruisce con strategie di pazienza
enigmistici matematici giochi di ere
con compagni di gioco che sono gli eoni
e s’intrufolano non visti nella stanza dei giochi di ognuno
in una casa buia oscurata sempre riservata ai giochi dei bambini in un lavorio incessante del cedere cadere e nascere
un gioco che dura un mulinello del poco
un giochino un giochetto un gioiello
in cui pensiamo
d’essere in competizione
tra persone o squadre secondo un regolamento che abbiamo
sempre inventato senza un supporto davvero quanti-ficato
e niente va realmente a canestro nessuno vince
al gioco delle bocce perché tutto dipende dall’abilità del caso
un gioco d’azzardo in cui non possiamo barare
è il gioco che sempre gioca con noi
fornendoci carte artifici ammalianti trucchetti
per raddoppiare moltiplicare in un gioco di
riflessi il gioco
ma se c’è un piano un disegno nascosto
una mira o una mina
che scrive da scoprire
rivelare e nascondere è il gioco
lo scherzo la beffa lo scherno o
lo schermo in cui quel gioco scenico
come nei sogni a contrasto rivela ancora altri segni
in combinazioni di giochi di luce dove abita
lo spazio dei nostri colori

.

alexander saidoff

Annunci